Assegno unico figli 2022

In data 18 novembre 2021, il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo del decreto legislativo che istituisce l’assegno unico familiare, destinato a tutti i nuclei familiari che ne faranno richiesta.
L’assegno andrà a sostituire le attuali forme di sostegno economico (assegni familiari, detrazioni, bonus, ecc…)

Importi
Il decreto prevede diversi importi, calcolati sulla base dell’ISEE:

*Gli assegni cambiano nel caso di figli disabili: non sono più calcolati sull’ISEE, ma in base al grado di disabilità. L’importo viene maggiorato tra gli 85€ e i 105€ al mese in base alla condizione del disabile: per i non autosufficienti ci saranno 105€ al mese, per le disabilità gravi 95€, per i casi di disabilità media 85€.
Una maggiorazione è prevista anche per i figli con disabilità con età compresa tra i 18 e i 21 anni: saranno disponibili 50 al mese in più per persone con disabilità gravi e non gravi.
Per gli ultra21enni invece, sarà previsto un assegno a vita di 85€, che diventerà di 25€ nel caso in cui l’ISEE sia uguale o superi i 40mila€.

È prevista una maggiorazione di 20€ per le mamme under 21 (per qualsiasi fascia di reddito).

Durata
L’assegno verrà concesso dal 7° mese di gravidanza fino ai 21 anni del figlio (se ancora a carico), con la possibilità di corrisponderlo direttamente al figlio maggiorenne se studia fuori sede.

Destinatari
Potranno richiedere l’assegno:

  • Chiunque sia assoggettato al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;
  • residenti e domiciliati in Italia;
  • tutti i residenti da almeno due anni, compresi i cittadini extracomunitari.

Le istanze potranno essere presentate dal 1° gennaio 2022, per un periodo che andrà da marzo a febbraio dell’anno successivo.

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.