• Home
  • News
  • PARI OPPORTUNITÀ: il nuovo rapporto biennale

PARI OPPORTUNITÀ: il nuovo rapporto biennale

La legge n. 162 del 5 novembre 2021 modifica il precedente D. Lgs. n. 198/2006, conosciuto come Codice delle pari opportunità.
In particolare, l’art. 3 modifica le disposizioni sulla redazione del rapporto periodico sulla situazione del personale, abbassando la soglia dimensionale delle aziende a oltre 50 dipendenti affinché esse siano tenute alla presentazione del documento.

Aspetti analizzati
La finalità del rapporto è di verificare l’effettiva applicazione della parità di genere e l’assenza di discriminazione, in relazione allo stato di:

• Assunzioni;
• Formazione;
• Promozione professionale;
• Livelli di inquadramento;
• Passaggi di categoria o di qualifica;
• Altri fenomeni di mobilità;
• Ricorso alla CIG;
• Licenziamenti;
• Prepensionamenti e pensionamenti;
• Retribuzione effettivamente corrisposta.

Le voci da inserire sono elencate in modo più dettagliato all’art. 3, L. 162/2021, comma 3, lettera a)

Trasmissione
Il rapporto può essere redatto solo in modalità telematica, compilando il modello pubblicato sul sito del Ministero del lavoro, e trasmesso alle Rsa.
Qualora, nei termini prescritti, le aziende soggette all’obbligo di redazione del rapporto biennale sulla situazione del personale maschile e femminile non trasmettano il rapporto, la Direzione regionale del lavoro, invita le aziende stesse a provvedere entro 60 giorni. In caso di inottemperanza si applicano sanzioni amministrative a partire da 500 euro.

La spiegazione della procedura per la compilazione e la trasmissione del modello è disponibile al seguente link: https://www.cliclavoro.gov.it/Aziende/Adempimenti/Documents/Guida-utente-RaPP.pdf

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.